.
Annunci online

PartitoDemocraticoNarniSud S.Vito, Guadamello, Gualdo, Vigne, Schifanoia, Borgaria, Itieli e Taizzano
29 dicembre 2011

Bersani: Pd primo partito, ora da noi contributo cruciale per un Paese più giusto


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
10 settembre 2011

L’Italia di domani, Bersani chiude la Festa Democratica 2011



Intervento del Segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, a Piazza del Popolo
FESTA DEMOCRATICA - Pesaro 10.9.11
Leggi il testo integrale >>>


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
8 settembre 2011

Dichiarazione di voto al Senato del Sen. Zanda - Manovra-bis


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
18 febbraio 2011

Per il tuo 150° anniversario, alza lo sguardo ITALIA!!!!

Un grande Benigni ha emozionato gli Italiani ieri sera all'Ariston di Sanremo.
Una lezione eccezionale sulle nostre radici, sull'orgoglio e l'amore per la nostra cara ITALIA
Le parole che compongono l'inno di Mameli descritte nel loro significato da uno straordinario Benigni

W L'ITALIA


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
1 ottobre 2010

La fine del miracolo

Il reportage di YouDem Tv sull'emergenza rifiuti a Napoli

Video-denuncia che mette in luce come la gestione Berlusconi-Bertolaso non abbia portato ad alcun risultato strutturale. La propaganda non basta davanti all'evidenza delle immagini. Regia di Carlo Boni, montaggio di Roberto Ceccanese


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
29 settembre 2010

La fiducia del cerino - Bersani sulla richiesta di fiducia...


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
3 maggio 2010

Concertone 1° Maggio - Bella ciao/Simone Cristicchi


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
30 aprile 2010

Bersani, agli altri partiti di centro sinistra: cosa è il PVC?




Che cos’è il PVC
Una breve scheda informativa su questo polimero realizzata in collaborazione con il Centro di Informazione sul PVC.
Per conoscere storia, ciclo di produzione e le principali tecnologie di trasformazione.
Il PVC, derivato dal sale (cloro 57%) e dal petrolio (etilene 43%), è una delle materie plastiche più utilizzate, grazie al costo di produzione contenuto, alle sue elevate prestazioni ed alle ampie possibilità applicative. E' la materia plastica più versatile ed uno dei materiali più conosciuti e studiati, sia in termini di caratteristiche e potenzialità, sia per quanto riguarda la sicurezza e l’impatto ambientale.


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
13 marzo 2010

Le nostre parole d'ordine: Lavoro, onestà, serietà, regole, Costituzione.


Pierluigi Bersani alla manifestazione a Roma il 13/01/10


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
25 febbraio 2010

Popolo viola in piazza il 27 febbraio



In piazza contro l'illegalità. Il Popolo viola: i politici ci corteggiano ma non diventeremo un partito.

Il Popolo viola si prepara per tornare in piazza con una manifestazione che si terrà il 27 febbraio a Roma dal titolo “ Basta! La legge è uguale per tutti ”. L'iniziativa, contro il legittimo impedimento e a sostegno degli organi di garanzia costituzionale, si terrà a piazza del Popolo a partire dalle 14.30 e sarà la giornata di apertura di una mobilitazione in tutta Italia che durerà tre settimane: il 1 marzo con “Una giornata senza di noi”, dedicata al tema degli immigrati, il 6 marzo a Milano con il “No Razzismo Day” e il 13 marzo a Reggio Calabria con il “No Mafia Day”.

"Quando c'e' una manifestazione la cui piattaforma e' in sintonia con le nostre battaglie allora i militanti e i dirigenti del Pd ci saranno" .
Lo ha detto Pier Luigi Bersani , a Sanremo, rispondendo a chi gli chiedeva se il Pd partecipera' al secondo 'no b-day' promosso dal cosiddetto popolo viola.


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
27 dicembre 2009

Riforme, che interessano TUTTI gli Italiani

Bersani indica al centrodestra le riforme da fare subito: provvedimenti per l'occupazione e per il sistema pensionistico dei più giovani. Penati: "Non si intasi il parlamento con leggi ad personam"


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
16 settembre 2009

Laicità dello stato


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
10 settembre 2009

Quando si dice pura propaganda


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
4 settembre 2009

Gli IGNAVI


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
27 agosto 2009

La RAI censura il trailer del film Videocracy


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
30 luglio 2009

Dario Franceschini



CINQUE PAROLE
Il manifesto di Dario Franceschini

E' stato detto che il populista pensa alle prossime elezioni, il riformista alle prossime generazioni. Ecco. La destra italiana pensa sempre e solo alle prossime elezioni. Noi democratici pensiamo prima di tutto alle prossime generazioni. Qui si apre lo spazio per un nuovo riformismo.
Un riformismo che abbia il coraggio di sfidare le destre non rincorrendole, non limitandosi a proporre correttivi ai modelli economici e sociali che ha imposto, ma mettendo in campo una gerarchia di valori alternativa e proiettata sul futuro.

Abbiamo bisogno di riforme che correggano le gravi distorsioni nella distribuzione del reddito e del mercato del lavoro, che rilancino la mobilità sociale; riforme per valorizzare un capitale umano e sociale che si sta impoverendo; scelte di politica industriale che sostengano l'innovazione e la ricerca, che sono beni pubblici e non solo requisiti di mercato.

Queste sono le sfide che noi vogliamo raccogliere: a differenza della destra, vogliamo dire con forza che noi crediamo che dalla crisi possa uscire un'Italia migliore, non quella di prima. Un'Italia che proprio attraversando le difficoltà riscopre i valori fondanti della solidarietà, delle comunità locali, dell'essere una nazione. Che recupera il senso di una grande missione collettiva in cui i talenti di ognuno sono a disposizione non solo di se stessi ma del proprio Paese. Il Partito democratico è una grande forza che crede nel futuro. Che crede nelle riforme come chiave per il cambiamento di cui l'Italia ha bisogno da anni per uscire dalla stagnazione e dall'immobilismo. Vogliamo ricostruire un'identità del nostro campo, quello dei democratici, e farci capire dagli italiani con parole chiare.

Parole che raccontino il nostro essere riformisti.

La prima è fiducia.
Fiducia è la risposta alla paura che la destra alimenta e cavalca parlando di sicurezza. Paura della crisi, paura di perdere il lavoro, dell'immigrato, della criminalità, della povertà, della solitudine. Paura per il futuro del mondo e per i nostri figli che dovranno viverci. Contro queste paure la fiducia è la strada che vogliamo intraprendere per uscire dalla crisi con un'Italia più forte e moderna.

Tutte le nostre politiche, tutte le nostre proposte concrete devono essere costruite attorno a questo messaggio positivo.

Dalle misure per proteggere i lavoratori e i cittadini dalla crisi, alle riforme economiche necessarie a dare prospettive a famiglie e imprese. Fino alle riforme istituzionali che ridiano fiducia ai cittadini in uno Stato e in una politica che debbono essere basati sulla trasparenza e sull'efficienza.

La seconda parola è regole.
Noi vogliamo buone regole che oltre a sancire diritti, stabiliscano doveri e responsabilità, garantiscano la sicurezza collettiva e fondino la convivenza di comunità aperte, capaci di integrazione e di vera solidarietà.

Di regole ha bisogno l'economia perché la loro assenza è la causa principale della destabilizzazione dei mercati finanziari e degli squilibri nell'economia reale.

E proprio all'economia e alle imprese servono regole semplici e stabili che garantiscano il corretto svolgersi della concorrenza, che rompano i conflitti di interessi che in Italia sono diventati silenziosamente accettati, come fossero normali, che rendano più semplice ed efficiente il rapporto tra istituzioni e cittadini.

Perché un sistema pubblico funzionante è necessario per attuare le riforme, e per garantire la effettiva fruizione dei diritti dei cittadini, dalla giustizia all'istruzione, ai servizi pubblici.

Lo stesso patto di lealtà fiscale ha come necessario presupposto che il cittadino sappia che i suoi soldi non vadano a finanziare spreco e inefficienza.

La terza parola appartiene al vocabolario storico del campo progressista, ed è uguaglianza.
Uguaglianza non come appiattimento delle differenze ma come valorizzazione delle diverse capacità delle persone, come uguaglianza delle opportunità, da sostenere non solo nelle condizioni di partenza ma nel corso della vita di ciascuno.

L'Italia ha purtroppo un primato negativo: ha visto crescere le diseguaglianze tra i redditi, ha visto aumentare le distanze tra pezzi del suo territorio, tra Nord e Sud. Vede consolidarsi la diseguaglianza tra i generi in una condizione che penalizza la libertà delle donne, i loro diritti, la loro rappresentanza anche nella politica.

Nell'Italia di oggi parlare di uguaglianza significa denunciare un blocco dell'ascensore sociale che ostacola la possibilità delle persone di sviluppare le proprie capacità. Sono queste le diseguaglianze che sottraggono ai nostri giovani le aspettative dei coetanei di altri paesi europei, che impediscono al figlio dell'operaio di avere le stesse opportunità nella sua vita del figlio del notaio.

Noi vogliamo cambiare questo destino che la destra ritiene inevitabile.

Vogliamo invertire la tendenza partendo da proposte immediate, da politiche attive che rimettano al centro della politica il grande tema della dignità del lavoro in tutte le sue forme, di un nuovo welfare, di investimenti in formazione, ricerca, infrastrutture, per colmare il divario con le aree svantaggiate del Paese. E anche investimenti per vincere la battaglia della legalità che è una grande questione nazionale. .

La quarta parola è merito.
Per sottrarsi alla retorica della meritocrazia occorre che il merito divenga la chiave della vita sociale e sia concepito come la leva fondamentale per superare molte delle ingiustizie sociali che opprimono la nostra società, per rimettere in moto la mobilità sociale.

Merito per noi significa riconoscere e valorizzare le capacità delle persone, significa avere la speranza di migliorare la propria vita e quella dei propri figli.

Merito non vuol dire competizione sfrenata ma riconoscimento dei talenti, dell'impegno, del valore del lavoro.

Oggi la società italiana è prevalentemente organizzata su sistemi di cooptazione basati su relazioni familiari, professionali, politiche, sindacali, associative o di altro genere.

Relazioni che condizionano l'accesso a carriere pubbliche e private, alle professioni come allo svolgimento di attività di impresa in una serie di settori protetti da potenti barriere.

La nostra battaglia deve rompere questo immobilismo, settore per settore, pubblico e privato.

Deve innestare radicali cambiamenti per aprire tutti i campi e per investire sulla intelligenza e la creatività dei ragazzi italiani.

L'ultima parola è qualità.
Puntare sulla qualità significa puntare sull'eccellenza italiana, sulla parte alta della filiera produttiva, dove contano di più la creatività e il capitale umano.

Significa investire in conoscenza. Scuola, università, ricerca, innovazione, cultura.

Significa valorizzare la capacità di produrre o di inventare cose che piacciono a un mondo voglioso di qualità. Significa valorizzare l'originalità italiana, ciò che ci rende unici al mondo e che non può essere imitato: il nostro patrimonio culturale, il nostro ambiente, i nostri territori e le loro ricchezze.

Dare un contenuto nuovo a queste parole significa mettere in campo il nostro riformismo per cambiare l'Italia e contrastare la conservazione.

Per questo serve accelerare la costruzione del partito.

Un partito che coltiva le diversità culturali al suo interno come una ricchezza, ma che cerca e trova la sintesi. Un partito laico e plurale. Un partito che fa della contaminazione tra le visioni del mondo e le culture politiche al proprio interno, un argine efficace contro tutti gli integralismi e i fondamentalismi, religiosi come ideologici.

E soprattutto un partito aperto. Che spalanca i propri gruppi dirigenti a quelle persone, soprattutto a quei giovani e quelle donne, che non hanno appartenenze precedenti e che hanno scelto di cominciare il loro impegno politico con il Pd.

Quelli che vorrebbero entrare e impegnarsi ma spesso non sanno nemmeno a che porta bussare e invece abbiamo un bisogno enorme della loro freschezza e delle loro energie.

Un partito in cui il rinnovamento necessario dei gruppi dirigenti non ha nulla a che vedere col "nuovismo" scelto dall'alto, ma significa valorizzare e investire sull'esperienza e sul radicamento territoriale di sindaci, di amministratori, di segretari provinciali e coordinatori di circolo, di parlamentari e quadri del partito.

Un partito che difende come oro la forza dei propri militanti, ma che sa anche che nella società di questo secolo esistono altre forme di partecipazione a un progetto politico, meno stabili ma non per questo meno vere e appassionate.

Un partito capace di affiancare nelle sue scelte gli iscritti e gli elettori, attraverso lo strumento irrinunciabile delle primarie.

Gli elettori del Pd non sono estranei, sono parte di noi. Sono quelli che arrivano nelle grandi mobilitazioni civili, che ci sostengono nelle campagne elettorali, che riempiono le piazze e i comitati.

Poi un partito nazionale e federale insieme che, dentro una missione unitaria, lasci ai partiti regionali risorse finanziarie, autonomia politica e statutaria nella scelta del modello organizzativo, delle alleanze, dei candidati, delle priorità programmatiche.

Un partito infine radicato sul territorio, che vuole avere un circolo in ogni paese, in ogni quartiere con una sede aperta.

Circoli che non siano solo luoghi per misurare i rapporti di forza nei congressi o per comporre organi e giunte, ma che si occupino del territorio e dei problemi delle comunità locali in cui sono. Circoli come antenne per ascoltare e capire l'Italia. Circoli che sono nati liberi e vogliono restare liberi.

Un Patto con i Circoli: questa è la mia proposta per il congresso. Un Patto che rispetti la pluralità di culture che arricchiscono il partito. Che non le teme. Che non cerca di fare prevalere una identità sulle altre.
L'arcipelago di storie e provenienze che sostengono la mia candidatura non è un limite è una ricchezza.

Sarà mia la responsabilità di fare sintesi, e di trasformare in un messaggio condiviso e unico questa varietà di posizioni. Che sono però la migliore garanzia che il Partito Democratico resterà fedele all'idea che l'ha fatto nascere.


Sarica file in pdf


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
31 maggio 2009

Più forti noi, più forte tu.


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
22 maggio 2009

Franceschini e lodo Alfano


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
18 maggio 2009

Social Card


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
10 maggio 2009

Un fannullone contestato


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
1 maggio 2009

Il mondo che vorrei - Vasco rossi

Un FANTASTICO  Vasco al concertone del 1° maggio


condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
17 aprile 2009

annozero 16.04.09


condividi:
tag: tv
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
25 ottobre 2008

Roma 25 ottobre 2008






condividi:
permalink inviato da pdnarnisud | commenti 0 | Versione per la stampa stampa
settembre       
in evidenza

29 dicembre 2010 La fine dell'anno La fine dell'anno è arrivata. Il primo decennio del  XXI secolo si è concluso. Ho riascoltato i discorsi di fine anno dei nostri Presidenti della Repubblica. Qualcuno leggeva altri andavano a memoria. Gli argomenti? Disoccupazione, emigrazione, terrorismo, studenti, assassini comuni e politici.  la costanza di tali elementi  mi è ... (continua) Leggi tutto

chi sono
pdnarnisud
I libri per chiarelettere

I nuovi mostri
Oliviero Beha





Scheda libro
Acquista online

Italiopoli
Oliviero Beha





Scheda libro
Acquista online

prossimi appuntamenti
Tutti gli appuntamenti
ultimi post
archivio



Blog letto 1 volte
bacheca

 


Pd Circolo Narni Sud

Crea il tuo badge


TESSERAMENTO 2014

La tessera non è solo una schedina di plastica colorata, l'adesione al PD è: un simbolo inequivocabile di appartenenza, condivisione di un progetto, un modo per contribuire ancor più concretamente alla sua crescita, alla sua organizzazione e al suo sostentamento.

 

 E' possibile ritirare la tessera del partito contattando direttamente il coordinatore del circolo o uno dei suoi componenti.
La tessera è valida per tutto il 2014 versando un contributo min. di 15 €
TI ASPETTIAMO


ANTIMAFIA

 

" La mafia non è affatto invincibile. E' un fatto umano, e come tutti i fatti umani ha avuto un inizio e avrà anche una fine. Piuttosto bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio, molto grave, e che si può vincere non pretendendo l'eroismo dai nervi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni.." Giovanni Falcone


LIBERTA'

Credo che la libertà sia uno dei beni che gli uomini dovrebbero apprezzare di più. La libertà è come la poesia: non deve avere aggettivi, è libertà." "Alla fine il reato più grave diventa quello di chi racconta certe cose, anzichè chi le fa. La colpa non è dello specchio, ma di chi ci sta davanti." Enzo Biagi